Cinema

Belle coincidenze

Ho appena visto questa foto

che sorprendentemente mi ricorda l’inizio del bellissimo film Paris, Texas di Wim Wenders…

Standard
sinestesia

… altrimenti siamo perduti

Qualche giorno fa ho visto questo trailer:

PINA è un film di Wim Wenders per Pina Bausch: mi ha molto sorpreso la bellezza di alcune scene, ma da Wim me lo aspetto… impressionante quella della “forza” che si vede in anteprima qui sopra. Cito un pezzo della sinossi:

[…] follows the dancers out of the theatre into the city and the surrounding areas of Wuppertal […]

Questo mi ha fatto venire in mente le strabilianti immagini della serie de “I ballerini in mezzo a noi” del fotografo Jordan Matter.

Standard
Advertising

Barilla – Düsseldorf

Pienamente d’accordo con quelli di SpotAnatomy: un anniversario di Barilla –che anniversario è il 132°?– si poteva pubblicizzare un po’ meglio.
Soprattutto per la qualità a cui l’azienda di pasta ci ha spesso abituato… ne cito uno per tutti: Wim Wenders.

Ma la cosa curiosa, che solo ora ho potuto notare, è che uno spot del 1987 contiene un celato richiamo –per contrapposizione– al fantastico film di Friz Lang, M il mostro di Düsseldorf.

Nello spot di Barilla, la bambina perde il pulmino di scuola ed è costretta a tornare a casa da sola. La madre intanto cucina, e guarda ripetutamente l’orologio. Ci sono anche le donne che stendono i panni sullo sfondo. Mentre la madre butta la pasta, la bambina trova un gattino e decide di portarlo a casa. Alla fine, ritornato pure il padre per pranzo, non essendo ancora arrivata la figlia, i genitori decidono di andare a cercarla e la trovano appena aprono la porta di casa.

Anche nel film la bambina perde il passaggio per casa, è costretta a farsela a piedi ed ha un incontro inaspettato (purtroppo per lei fatale). Allo stesso modo la madre è affaccendata in casa, fa il bucato, stende i panni e guarda ripetutamente l’orologio.

Unica differenza, nello spot non poteva mancare la “famigliola” felice, che viene ripresa in positivo rispetto alla tragedia del film (di seguito per il confronto).

Standard