Design

A questo rispondo io…

Al di là che è stato presentato come “leggibile a ogni dimensione e utilizzabile come icona per app e canali social”, ogni esperto in comunicazione visiva sa che questa è la base per la realizzazione di qualsiasi immagine aziendale. Quindi perché presentarlo come un plus?

via Tiragraffi

Perché –esperienza diretta– ultimamente molti che si dicono “esperti” non hanno la benché minima idea che quello sia un aspetto basilare della progettazione di una immagine aziendale…

Standard
Advertising, Video

All together now

Dai, una cosa buona su Tim –ultimamente– posso anche permettermela.

Questo spot a me è piaciuto, checchè se ne dica.
L’idea è proprio bella:

“dove tutti vedono solo cellulari, noi vediamo qualcosa di più: –sottinteso– persone”.

[che poi lo facciano davvero è un’altra questione, ma ho premesso che stavolta non sarò critico, non troppo almeno]

Continua a leggere

Standard
Telefonia

Deludente TIM, e pure inopportuna

Dopo aver appreso la notizia della riorganizzazione del piano tariffario da parte della mia compagnia telefonica tramite SMS, ho provato a chiamare il centralino e, non avevndo avuto quel giorno la linea (1 agosto: erano in ferie anche loro… volutamente?), ho inviato una mail ribadendo la mia posizione di turbamento.
Con il “voutamente” non voglio insinuare niente, ma perché se qualcosa deve essere cambiato, viene sempre fatto quando sono in pochi quelli che possono lamentarsi?

Comunque, per quella mail sono stato contattato –solo– oggi: esattamente 30 minuti fa.

Chiedo nuovamete scusa alla povera addetta che è stata costretta a richiamare le varie persone se le sono sembrato un po’ aggressivo, immagino di non essere stato l’unico, ma data l’ora tarda di sera (le 21:00)… ma i dirigenti TIM non ci pensano a ‘ste cose? chiamami di giorno, almeno! 12 ore non avrebbero fatto molta differenza.

Fattosta che nulla è cambiato: dal 9 settembre 2008 il mio (e quello di molti altri clienti) piano tariffario sarà aumentato di 3 cent/min (non 3€, come qualcuno ha malamente ;) calcolato).

L’addetta per telefono non ha potuto darmi delucidazioni sui motivi di tale riposizionamento in alto delle tariffe, lo immaginavo, e pertanto da subito le ho detto che non mi interessava saperli.
Dopo aver ascoltato per 10 minuti le varie offerte, tutte rigorosamente meno vantaggiose della mia vecchia “zero scatti”, ho osato chiedere e presupporre. Vorrei ora mettervi al corrente dei miei ragionamenti.

Se qualcuno della TIM leggesse, sappia che non ho intenzione con le mie parole di screditare l’azienda con cui mi son sempre trovato bene, da quando è morta BLU. L’ho appena detto, sto “pre-supponendo”, non potendo conoscere le strategie di marketing che tanno dietro a tutto ciò.
Sempre se qualcuno della TIM leggesse, magari potrebbe prendere qualche spunto.

  • Perché modificare le tariffe? per ricavare maggiormente, vien subito da pensare. Giusto. Da parte dell’azienda è giusto, e nessuno potrebbe dire il contrario: una impresa ha il dovere di guadagnare, è nel suo DNA.
  • Cosa comporta una modifica di tal genere? Alcune ipotesi.
  1. Il cliente asseconda la nuova tariffazione e sottoscrive gratis 50%LONG per risparmiare solo sulle telefonate verso TIM più lunghe di 4 minuti.
  2. Il cliente trova un altro piano tariffario (attualmente nessuno è più conveniente, in caso contrario lo è, ma solo a determinate condizioni).
  3. Il cliente trova l’alternativa migliore, non necessariamente con TIM (avete proposte?)
  • Cosa accomuna le prime due ipotesi? la modifica del comportamento del consumatore. Nella migliore delle ipotesi, la scelta di un altro piano tariffario, oppure –per spendere la metà– l’aumento del tempo di chiamata in maniera considerevole (4 minuti) con considerevoli ritorni in termini di “abitudine alla chiamata”.

Ho scritto tutto ciò per un mero “esercizio di stile”. Essendo un Designer della Comunicazione, voglio vedere, il giorno che sarà dato di sapere certe cose, se avevo visto giusto o no.

Mi avvio alla conclusione.
E qui, dirigenti della telefonia (tutti! mobile, fissa, dati, vattelapesca…), aprite bene le orecchie: se una cosa in università l’ho imparata è che il ritorno economico si persegue concentrandosi sul cliente (che ha sempre ragione!) e non sul “vil denaro”. Questo verrà di conseguenza (qui è sotteso un nesso di causa-effetto se qualcuno non l’avesse intravisto).

Concludo con una nota ironica: mio padre ha un contratto che, se non ricordo male, si chiamava –all’epoca– linea “azzurra” (o “arancio”?) e che non ha mai –MAI– cambiato! oggi non esiste nemmeno più questo piano.

D’altronde mio padre –e forse anche io– non spende “abbastanza” da essere preso in considerazione come vero cliente.
È bello essere considerati.

[se a tutto questo aggiungete la pessima proposta per l’iPhone, avrete un chiaro ritratto della mia delusione]
Standard
Senza categoria

Deludente Tim

Dopo la bufera delle tariffe per iPhone, che –per correttezza– non hanno riguardato solo la compagnia telefonica che uso, ma anche la concorrente, Tim ha toppato ancora.

Ho detto “la compagnia telefonica che uso” e non “la mia compagnia” perché io sono un cliente, da che mi ricordi il cliente ha sempre ragione, tranne che con le compagnie telefoniche italiane, e la compagnia non è propriamente mia (c’è una bella differenza!), ma è quella che io ho scelto, con tuti i pro e i contro… comunque:

dal 9/9 il tuo profilo è rimodulato: +0,05 centesimi/sec

è quello che recita il semplice messaggio arrivato al mio cellulare ieri sera ( “volutamente” l’ultimo giorno prima delle ferie? no dai, sarebbe proprio da balordi… fatto sta che stamattina gli operatori non sono raggiungibili).

Sempre per correttezza aggiungo che per indorare la pillola (leggi “supposta” nda) ci hanno aggiunto una piccola offerta: -50% del traffico, ma solo sulle chiamate più lunghe di 2 minuti.

Con il vecchio (ne senso di vetusto: ce l’ho da tutta la vita del mio cellulare) piano tariffario “zero scatti”, ricaricando la modica cifra di 30€/mese, mi sono sempre trovato bene e non avevo intenzione di cambiarlo, neanche per qualche offerta –forse– pure più conveniente.

Perché quindi appiopparmi una tariffazione più elevata? Senza il mio permesso (cliente, ragione, etc.), tra l’altro!

Centrerà in parte qualcosa la recente polemica sul fatto che le tariffe italiane sono estremamente più elevate della media europea?

Qualcosa era andato per il verso giusto solo con l’abolizione delle tasse sulle carte prepagate.

Per concludere, non sta a me tirare conclusioni affrettate, ne tantomeno accusare una società (se con le mie parole avessi mai offeso qualcuno su queste pagine, mi scuserò pubblicamente se richiesto), ma almeno lamentarsi è concesso?

Sembra di no.

Standard