Software

Fluid gratuito

L’ho scoperto solo adesso! Fluid è gratuito…

Standard
Software

PrisMac sempre meglio

Prism (versione 0.9) si sta Fluidisizzando, ma rimane sempre gratis: l’interfaccia è stata migliorata, le icone 16×16 vengono generate in automatico prendendo a campione le favicon ed ora è possibile utilizzare estensioni customizzate (Tools>Add–Ons). Inoltre le finestre ora si possono aprire in contemporanea, mentre prima il sistema avvisava che l’applicazione era già aperta.

Piccolo bug, in WP quando applico al testo del corsivo, questo a prima vista non viene “inclinato” anche se poi funziona tutto a dovere.

[Sto usando con piacere le TAG del nuovo WP: mi sembrano molto più comode di prima, che infatti non le mettevo mai…]
Standard
Software

PrisMac

Che figo che è Prism… ora anche per mac!

Personal computing is currently in a state of transition. While traditionally users have interacted mostly with desktop applications, more and more of them are using web applications. But the latter often fit awkwardly into the document-centric interface of web browsers. And they are surrounded with controls–like back and forward buttons and a location bar–that have nothing to do with interacting with the application itself.

Così si ha la possibilità di usare le WebApp come fossero stand–alone software.

deskapp.png

Progetto assolutamente affascinante.

Prism is built on Firefox, so it supports rich internet technologies like HTML, JavaScript, CSS, and <canvas> and runs on Windows, Mac OS X, and Linux.

Peccato che, per ora, quando cerco di aprire in contemporanea Zimbra ed enerBlog, mi appaia l’avviso che non posso usare il software in quanto una copia risulta già aperta.

enerblog.png

Sigh! Credo sia un problema Mac–dipendente.
Ma cavolo, Mozilla che con Firefox è sempre stata all’avanguardia con i pannelli (tradotto = più finestre in contemporanea), non poteva pensarci subito…?
C’è anche qualche bug minore, ma presto verrà risolto tutto.

Aggiornamento di domenica mattina

È proprio strano… con Google funziona senza problemi… bho!?

gprism.png

Aggiornamento di martedì mattina.

Un altro motivo del perché reputo Prism interessante lo si può leggere in questo articolo: la sessione per ovviare alla natura stateless.

In completa inosservanza di queste errate convinzioni, però, il protocollo alla base è sempre l’HTTP. E per quanto si cerchi di convincerlo a diventare una interfaccia applicativa la sua natura rimarrà sempre stateless: potrà sempre chiudersi senza dire “ciao”, potrà sempre fare “back” nel browser per quanti barbatrucchi cerchino di impedirlo, potrà sempre creare una nuova finestra per una navigazione indipendente senza chiederne il permesso e senza informarne il server

Il pregio non è tanto quello di ovviare il problema o eliminarlo –non si può–, quanto la possibilità, sempre più ergonomicamente utile –o user-friendly–, di evitare questo “problema” sia percepito dall’utente come tale.

Powered with enerBlog
Standard