sinestesia

Joe La Pome sarebbe fiero di me…

VidaleGloesener’s Urban Chic

Fabio Milito's musical businesscard comb

Tutti i nodi vengono al pettine

Digressione
Advertising, sinestesia, Video

/by panenutella (mi fa sempre ridere che io sono pane&burro…)

/by Daneel (ancora grazie amico mio ;)

Mi ha fatto anche molto piacere leggere nei commenti all’articolo su panenutella/twitter come è stato possibile recuperare il secondo video, perché avvalora la tesi per cui persone diverse siano riuscite a recuperare lo stesso contenuto a partire da spunti differenti che si rimandano l’un l’altro: io avevo in mente lo spot “forse” per la Playstation, ma assolutamente non ricordavo la musica. E pur cercandolo in mille modi, non ho mai provato con “mountain”, cosa che è venuta subito fuori a Diego quando si è messo a cercare la colonna sonora.
Spero che il web sia sempre più interconnesso perché è l’unica maniera per non perdere il contenuto di valore, come più volte ho scritto (N.B. la rete non dimentica, ma serve usarla bene e mi fermo qui).

Montagne di corpi

Digressione
sinestesia, Video

Fujiya & Miyagi – Ankle Injuries

Bello, ma… già visto, no?

The White Stripes – Fell In Love With A Girl
Michel Gondry

Stesso metodo di registrazione, colori simili… tenete anche conto che il video di Gondry, oltre che di 10 anni fa (se non ricordo male la canzone è del 2002), era pure in vero 3D!

Videoconnessioni

Digressione
sinestesia

… altrimenti siamo perduti

Qualche giorno fa ho visto questo trailer:

PINA è un film di Wim Wenders per Pina Bausch: mi ha molto sorpreso la bellezza di alcune scene, ma da Wim me lo aspetto… impressionante quella della “forza” che si vede in anteprima qui sopra. Cito un pezzo della sinossi:

[…] follows the dancers out of the theatre into the city and the surrounding areas of Wuppertal […]

Questo mi ha fatto venire in mente le strabilianti immagini della serie de “I ballerini in mezzo a noi” del fotografo Jordan Matter.

Standard
sinestesia

Era ancora in lire, tanto per intenderci!

In questi giorni ho avuto la fortuna di recuperare alcuni vecchi Topolino dalla cantina della Cami (devo sbrigarmi a finirli che in realtà erano destinati ai suoi alunni ;) e ieri sera ho letto sul numero 2057 la storia “Topolino e i telefilm troppo realistici”.

L’investigatore più famoso dei fumetti notava come una serie di rapine erano state realizzate proprio seguendo le varie puntate dei telefilm di cui l’amico Pippo è appassionato. Non vi spoilero il finale… si intuisce.

Mi è tornata in mente per contrasto la polemica che era scoppiata attorno al caso C.S.I. quando mostrando le “vere” tecniche della scientifica, contribuiva a rendere più scaltri i farabutti: per la serie, “noi moderni non abbiamo inventato proprio niente”.

Topolino anticipa CSI… e di molto

Digressione