Politica

Il signor G aveva ragione da vendere

Non parlo quasi mai di politica, ma oggi faccio mia una bella provocazione letta stamani su BadAvenue –anche se con altre finalità– e la ripropongo sottolineando delle parti che mi paiono oltre che attuali, anche molto intelligenti:

[…]
è il continuare ad affermare
un pensiero e il suo perché
con la scusa di un contrasto che non c’è
[…]
Tutti noi ce la prendiamo con la storia
ma io dico che la colpa è nostra
è evidente che la gente è poco seria
quando parla di sinistra o destra
[…]
Basta!

Standard
Politica

Notizie che non lo “saranno”

Mi permetto una puntualizzazione sullo sciopero del prossimo 30 ottobre.

Mia mamma, in quanto preside di una scuola, dovrebbe parteciparvi –essendo lo sciopero per il rinnovo dei contratti dei presidi–. Nel frattempo però è stata indetta, casualmente lo stesso giorno, anche la manifestazione contro il decreto Gelmini.

Cosa c’è di strano?
Il fatto che “approfittino” di uno sciopero dei dirigenti scolastici per avere –apparentemente– più manifestanti contro il decreto del ministro dell’istruzione, e ciò in italia è tutto fuorchè casuale… (con questo non voglio difendere il decreto, si sarebbe potuto fare certamente di meglio; e poi cosa c’entrano gli universitari con un decreto per elementari, medie e superiori?).

Dovessi aver dimenticato/sbagliato qualcosa siete vivamente pregati di correggermi: su certi temi ne so veramente poco (le mie sono considerazioni da esterno alla faccenda).

[inoltre il titolo è volutamente “preso a prestito” da una serie di articoli apparsi su wittgenstein]
Standard
Io sostengo, Politica

Io sostengo

Nuovamente devio dai “contenuti più tipici” per appoggiare una campagna che approvo e per segnalare contributi decisamente degni di essere letti (di politica ci ho sempre capito poco e interessarmi attivamente è sempre stato una difficoltà: questa è la prima volta che la sento un po’ più “vicina”, grazie anche ad una cena con Maurizio Lupi a cui qualcuno –purtroppo– non ha partecipato).

In questo periodo pre–elezioni (13 e 14 aprile) sono molti gli articoli a sfondo politico, ma qualcuno è più interessante di altri: cito…

“Io sostengo” […] una campagna per invitare tutti i lettori ad andare a votare. Un gesto a favore della democrazia e della partecipazione attiva alla vita pubblica, qualsiasi sia l’opinione politica di ognuno […] sarebbe altrettanto auspicabile da parte della blogosfera civilmente impegnata dichiarare pubblicamente il proprio sostegno politico per le prossime elezioni. […] È una crescita per tutti, a mio avviso, conoscere le opinioni di chi ci sta vicino e confrontarsi sulle ragioni che le motivano. Tra persone adulte e intellettualmente oneste non dovrebbero esserci timori ad esprimersi.

[trovato su OhMyMarketing, da una idea di Luca Conti]

In rete ci sono molti giochi per “valutare” le proprie propensioni politiche, ma restano sempre e solo dei “giochini”, dei vezzi: chi è indeciso non si affidi ad un programmino per scegliere! (resta il fatto che sono simpatici e spesso esilaranti: qualche giorno fa –poi il grafico di riferimento è stato aggiornato– su Voi siete qui risultava che la Lega era più a sinistra di me, sigh!… mentre il Politometro di Repubblica è abbastanza fuorviante in quanto per loro –vedere grafico– i laici devono essere tutti di sinistra).

Quello che interessa a me è una politica

“che difende una novità di vita nel presente, capace di modificare anche l’assetto del potere –e dunque– di favorire uno Stato che sia veramente laico, cioè al servizio della vita sociale secondo il concetto tomistico di bene comune.”

[Compagnia delle Opere: Una politica al servizio della persona e del bene comune]

Un altro contributo (di sicuro più “laico” di come avrei potuto formularlo io):

“Anche le strutture migliori funzionano soltanto se in una comunità sono vive delle convinzioni che siano in grado di motivare gli uomini a una libera adesione all’ordinamento comunitario”

[Spe Salvi – Benedetto XVI]

Per ora il mio più grande desiderio è che quel “Rialzati, Italia!” non sia solo un mero slogan politicheggiante, ma sia davvero una ipotesi per il presente (nella peggiore delle ipotesi, spero che a risalire non siano gli stessi di poche settimane fa…).

Standard