Letture

Letture della settimana

Anno II, #13

Piccolo compendio per affrontare bene il finesettimana.

  • La principessa soffriva per la mancanza di corteggiatori di valore. La sua bellezza perfetta, quasi soprannaturale, attirava solo principi azzurri interessati unicamente a conficcare la loro spada nel cuore di un drago.
    Solo nel mondo delle favole
  • […] poema epico, che illumina il presente in modo profetico, fino a descrivere l’arrivo dei nuovi barbari, come quelli che senza spade, con carta e penna, con facce pulite, porteranno la mancanza di desiderio, riducendo l’uomo ad uno sciocco incapace di amare e di odiare […]
    100 anniversario de “La Ballata del Cavallo Bianco” di Chesterton. Molto attuale, considerando gli innumerevoli programmi e testi che trattano dei “nuovi barbari”.
  • Freaks, e per oggi basta così…
Standard
Letture

Anno II, #12

Piccolo compendio per affrontare bene il finesettimana.

  • Sessantatre anni di pubblicazione ininterrotta. Significa che, nel più-o-meno del calcolo spannometrico, l’epopea cartacea di Tex dura una decina di anni in più rispetto all’epoca storica in cui è ambientato. Il fumetto oltrepassa i confini temporali del periodo in cui si muovono i personaggi.
    Hanno scritto un romanzo su Tex, lo sapevate?
  • L’impressione è che gli alti prelati siano ben più esperti di Rete e web 2.0 di quanto non lo sia la base di blogger cattolici. Esattamente il contrario di quanto solitamente si vede in Italia.
    Dopo l’illuminante lettera sui “social network” per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali ecco un altro punto di contatto tra la rete e la chiesa.
  • Bisogna insomma essere capaci di alzarsi dalla scrivania e decomprimere e bere l’ennesimo caffè della mattina (“te lo porto?”, “no, grazie, vengo io alla macchina”, “quanti ne hai bevuti stamattina?”, “sei”, “ma non è ancora mezzogiorno”, “eh”)
    Doppietta.
    P.S. Sir Squonk è uno di quelli di cui penso sempre che se non scrivesse così bene, per il contenuto di quello che dice a volte –ma solo a volte– smetterei di leggerlo su due piedi.
  • Volevo dirgli che Slim è nel vicolo assieme a Lefty e stanno dando una lezione a Fat Tony, ma ero troppo depresso.
    Doppia doppietta per rimediare allo scorso venerdì che non ho salvato niente.
    Idem come sopra sulla questione del leggere: il commento che mi viene sempre in mente in questi casi è sempre “trattenete il valore” del solito S. Paolo
  • Quali sono i campi in cui Apple fallisce? Quei settori in cui fino ad ora si è mostrata decisamente scarsa?
    Domande lecite, perché ce ne sono di cose che “mamma” Apple ha toppato e che aspettano una risposta che probabilmente non arriverà tanto presto…

Letture della settimana

Digressione
Letture

Come sia possibile sopportare la vera e profonda noia di non fare con scrupolo tutto ciò che si fa, foss’anche battere un chiodo, è difficile spiegarlo.
Alberto Ronchey

Citazione presa qui: molto inerente anche al mio modo di lavorare e a come invece me lo vorrebbero far fare…

Risparmiare il fiato

Citazione
Letture

Anno II, #11

Piccolo compendio per affrontare bene il fine settimana.

  • This means that I can mount the slanted lid facing two directions, not just the one I want. If I put it on the wrong way it will not give me any indication of the slanting of the felt tip.
    L’usability post è sempre un interessante ed arguto punto di partenza per riflessioni sul design, in questo caso su come “forzare” in senso buono l’utilizzo degli strumenti da parte delle persone.
  • Se fossi Cecco, come sono e fui, torrei le idee giovani e leggiadre e vecchie e laide lasserei altrui.
    Consigli utili per una pubblicità migliore di Pasquale Barbella.
  • Ho un caro amico sessantenne che si sbellica come un pazzo ogni volta che vede Bud Spencer far volare cinque o sei energumeni con un solo cazzotto. Sono quarant’anni che lo guarda ma ogni volta si scompiscia.
    Un racconto comico sulla vita, la morte e l’ateismo di Mary Eberstadt di Rino Camilleri.
  • La distanza è poco più di un chilometro e mezzo e me la macino in poco tempo, ascoltando la colonna sonora di Sword & Sworcery, un album elettronico di Jim Guthrie, molto debitore del suono a 8 bit dei grandi videogiochi di un tempo. Il disco mi culla anche nell’attesa del 409. Poi, salito su quel vettore di umanità varia, decido di passare a qualcosa di più aggressivo e mi affido alla voce di Sebastian Bach e dei suoi Skidrow. L’album è Slave to the Grind e io faccio forza su me stesso per non scuotere il testone per tutto il viaggio.
    Il pezzo di RRobe è molto più di questo estratto, parla di musica, di cultura italiana, del vil denaro, di supporti fisici e digitali, e del piacere di fare qualcosa apparentemente senza senso…
  • Temo, però, di essere ferma alla politica di don Camillo e Peppone. Dove non c’erano intercettazioni, pensioni super-miliardarie, processi, inchieste, immigrati eccetera eccetera. E, dopo accese discussioni e qualche tavolo sulla schiena, si rimetteva tutto a posto con un fiaschetto di Barbera.
    Un parere interessante sulle questioni di politica dei nostri giorni.

Letture della settimana

Digressione
Letture

Settimana della lettura

4-10 aprile 2011

Avete letto bene, non mi sono rincitrullito tutto d’un colpo pubblicando il lunedì uno degli appuntamenti fissi per il fine settimana: questa è proprio la settimana della lettura!

Leggete le varie iniziative su Portaletture.

Logo bruttissimo, ma tant'è...

Fonte attendibilissima: mia mamma (che ringrazio!)

Standard
Letture

Anno II, #10

Piccolo compendio per affrontare bene il fine settimana.

  • You receive a new message, say an email or a tweet, and at that very moment your software decides to do something stupid.
    La stupidità delle notifiche istantanee sull’Usability Post
  • E va bene avere tre versioni di Devilman che è il mio fumetto preferito di ogni tempo…
    Sistemiamo i fumetti di Roberto Recchioni
  • Fake the system
    Un workshop di undesign per cattivi ragazzi dove imparare a comunicare male e fare male comunicando.
    [break the rulez!]
  • L’uomo qualunque non capisce ma giudica, e la sua unica preoccupazione è quella di trovarsi d’accordo con qualcuno.
    L’uomo qualunque
  • Lunedì ho mangiato questi biscotti!

Letture della settimana

Digressione
Letture

Anno II, #9

Piccolo compendio per affrontare bene il fine settimana.

  • […] frutto di un lungo lavoro di concept […] il film di Greno e Howard, grazie a uno script semplice ma intelligente ma già a partire dai disegni che sintetizzano in modo tecnicamente ambizioso l’estetica 2D con i vantaggi del 3D, riesce a coniugare in modo perfetto l’ingenuità della fiaba con personaggi realmente tridimensionali […]
    Rapunzel a memoria di giovane cinefilo. Molto bello.
  • Pare si sia trattato di un clamoroso errore della ditta cinese Guangdong Enterprise che ha scambiato i principi, ma in realtà il tutto si è trasformato in una riuscita operazione di marketing che ha scatenato la gara ad accaparrarsi le tazze, diventate “cult”.
    I gadget del matrimonio dell’anno secondo Pamela Ferrara
  • La cosa peggiore del film è che nonostante questa mole di figate (per quanto un poco bollite), nonostante una bella regia, begli effetti, un numero altissimo di fighe seminude vestite da scolarette e armate di katana e nonostante una colonna sonora da urlo, Snyder è riuscito a confezionare un film noioso. Il più noioso della sua carriera.
    Dalla race di SuckerPunch di RRobe (ma anche altre parti fanno riderissimo…)
  • Dov’è finito il dottor House cinico sì, bastardo sì, ma umano? In fondo era meglio quando era dolorante, drogato e puttaniere. Quando, di tanto in tanto, si accorgeva di non essere Dio.
    Il “salto dello squalo” del Dr. Gregory House secondo Berlicche (per me è stato sentire che aveva una voce diversa…)
  • Ero uno dei pochi “terroni” e questo continuo ritornello mi portava a reagire malamente. Al campo sportivo ero sempre sotto un mucchio di dieci persone che pestavano il “terrone”. Fino a quando ho scoperto la potenza di un sasso con cui ho spaccato la testa a un mio amico. Ho cominciato a ottenere rispetto e ho capito che la violenza poteva mettere tutti in riga.
    Per non perdersi per strada, la conversione del bandito innominato su La Bussola Quotidiana. Lunga ma ne vale la pena. (grazie a Tony, l’amico ;)

Letture della settimana

Digressione