Design

La polenta “uncia”

Sabato sono andato a cena al ristorante “La Baita” a Menaggio e ho mangiato la polenta uncia: la foto non rende giustizia, ma la pancia ricorderà a lungo.

Standard

8 thoughts on “La polenta “uncia”

  1. Gio ha detto:

    La polenta uncia, secondo la moda antica, deve annegare nel burro fuso.

    In parole povere fate cuocere della polenta, meglio se di grano duro, in un paiolo di rame; durante la cottura fate sciogliere del burro in misura abbastanza da vedere il “liquidino” che non riesce più a incorporarsi; mescolate sempre, rigorosamente, con un tarello di legno per evitare i grumi; alla fine aggiungere del formaggio (ad esempio il Branzi).

    Ad occhio e croce è così, lo scorso capodanno ci venne parecchio bene.
    Nel caso chiedo consigli al fratello semi-cuoco che studia a Bra.

  2. pora gent ha detto:

    ma poveri milanesotti del ca..o, cose fate i saputelli di polenta uncia che non sapete nemmeno cos’è?! che povera cultura culinaria che avete, mi fate pena…

    • Gio ha detto:

      Lamentarsi non è mai servito a nulla se non a farsi voler male, per cui se hai delle cose da dire, ben vengano! altrimenti il tuo commento resterà qui, perso nel limbo delle cose mezze dette.
      Conosci una ricetta migliore, diccela, siamo qui apposta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...