Blog

Ladri di blog?

Ci sono le persone che copiano, è vero, e chi tiene un blog spesso fa riferimento a materiale che altri hanno prodotto… io lo faccio tantissimo, ma cerco sempre di citare tutti quelli da cui traggo le informazioni che scrivo, per rispetto! Spessissimo chi scrive un blog in rete cita e copia, ma addirittura clonare un intero articolo! E so per certo che non sono il primo a cui succede.

Premessa

Il giorno che ho avuto più visite, finora, è stato quando –purtroppo– Lillo Perri ci ha abbandonato. Avevo già parlato di lui, del suo lavoro e di come mi era stato utile.

Oggi

Stasera vedo i link in entrata e mi accorgo di uno che punta proprio a Lillo. Per rispetto verso un caro amico –mi permetto di chiamarlo così– e maestro vado a leggere l’articolo che si riferisce al mio e, sorpresa, l’articolo è il mio! paro–paro!!!
Non sto a mettere il link perchè, 1) si legge il titolo e potete ricercarvelo e 2) credo che presto sparirà, ma ho provveduto a fare una –inutile– copia, con BrowsrCamp, della pagina incriminata.
Ecco qui (da confrontare con questo articolo):

copia-lillo.jpg

Come ho fatto a scoprirlo? spesso io mi autocito per non stare a scrivere le stesse cose 2 volte e rimando ad articoli precedenti. Ecco da dove è arrivato il link in entrata, provate a guardare nell’immagine sotto la foto di Lillo: il link al vecchio articolo punta ancora al mio sito (di cui anche sopra).

2 considerazioni

  • il sito “ladrone” è tutto in inglese, tranne un articolo in italiano. Strano, non trovate? si, il mio
  • di solito io uso stretchare le immagini in verticale (le accorcio) perché i CSS del tema che uso spesso le allungano, così che otticamente sembrano tornare normali: nello screenshot Lillo è evidentemente stretchato, neanche la buona volontà di sistemare l’articolo…

Conclusione

Ipotizzo una cosa che Ema provvederà di certo a confermare o a smentire.
Il blog di cui ho fatto lo screenshot non è gestito da una persona, ma raccoglie automaticamente, tramite un crowler –come l’algoritmo di ricerca di google–, alcuni articoli che anno avuto grande traffico, come nel caso della morte di Lillo, e li mette insieme.

C’è sempre una prima volta, anche per essere derubati da un software, mica come in banca… che emozione!

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...