GUI, Marketing

IKEA desktop

Dato che siamo tutti abituati a pensare all’IKEA come ad un produttore di forniture da arredamento con un rapporto qualità/prezzo estremamente favorevole, a nessuno viene in mente che –per usare dei paroloni– la mission dell’azienda è “to create a better everyday life for the many“. Cosa che però fino all’altro ieri valeva solo per la casa e l’ufficio.

Infatti oggi il mondo è cambiato, è tutto un po’ più virtuale, ma loro testardamente –ed ironicamente!– insistono per far fronte a questa sfida. Pertanto hanno creato “E-Series Library”, una scrivania virtuale arredata come l’omonimo catalogo (con tanto di prezzo bene in vista nell’angolo in alto a sinistra ;) dove lo sfondo è un famoso pezzo della loro collezione, Expedit, mentre le icone sono rispettivamente i suoi complementi Emu, Jattene, Kasset, Klos, Knodd, Knuff, Lekman, Malla…

Una buona trovata di marketing per far parlare noi grafici che comunque l’IKEA ci piace, no?

Disponibile per Mac e Piccì all’indirizzo (peccato che è solo in lingua ungherese…)

Creatività laboratoryideas

Standard
Advertising, Apple, Software

Mosaico

Di recente ho visto questa campagna pubblicitaria per Ikea.
Idea niente male: graficamente interessante e coerente con i prodotti della società, ma come sempre l’idea nasce dalle persone, viene “dal basso”, e solo successivamente viene impiegata in pubblicità

Un po’ più vecchia infatti è l’immagine di Steve Jobs realizzata con una vagopnata di prodoti Apple.
Ha fatto più volte il giro della rete, ma ve la ripropongo lo stesso.

Qualcosa di simile era stato fatto pure prima, sempre da Apple per l’ennesimo traguardo raggiunto da iTunes (il lontano 2003 dove la “forma” non serviva) o da AppStore.

Infine, se anche voi volete cimentarvi in una impresa analoga, vi suggerisco l’ottimo e gratuito MacOSaiX, programma per la generazione automatizzata di immagini/mosaico (composte da altrettante immagini che fungono da “pixel” per la composizione definitiva). Il programma è in grado di attingere da svariate fonti online (ad es. Flickr o Google Images), ma anche da una lista di immagini presenti sul vostro computer.

Organizzati gli elementi base, comporre la matrice con tali originali sarà un gioco da raagzzi.

Standard
Design, Ikea, Lego

Lego V.M.18

…ovvero:

Ho recentemente comprato e costruito con soddisfazione -colore nero, non come nella foto…- un Benno. Era da quando ho cominciato a usare “poco” il Lego -per ragioni di studio- che non mi divertivo così tanto.
Adesso capisco la soddisfazione che deve avere provato Ema quando ha finito il suo nuovo-fiammante rack, di cui non ha ancora pubblicato niente…

L’intenzione è quella di fare una parete del mio studio, abbinandoci anche qualche Billy in questa maniera, per avere dello spazio extra da riempire subito con tutte le cose che ho sulla scrivania (tra cui anche il back-up del vecchio iBook per oltre 300GB di video per la tesi e gli altri progetti…):

Sono estremamente contento dell’acquisto fatto e della soldo pagato, mi spiace solo che i Billy erano esauriti, sigh! ma mi rifarò presto.

Standard