Letture

Anno II, #12

Piccolo compendio per affrontare bene il finesettimana.

  • Sessantatre anni di pubblicazione ininterrotta. Significa che, nel più-o-meno del calcolo spannometrico, l’epopea cartacea di Tex dura una decina di anni in più rispetto all’epoca storica in cui è ambientato. Il fumetto oltrepassa i confini temporali del periodo in cui si muovono i personaggi.
    Hanno scritto un romanzo su Tex, lo sapevate?
  • L’impressione è che gli alti prelati siano ben più esperti di Rete e web 2.0 di quanto non lo sia la base di blogger cattolici. Esattamente il contrario di quanto solitamente si vede in Italia.
    Dopo l’illuminante lettera sui “social network” per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali ecco un altro punto di contatto tra la rete e la chiesa.
  • Bisogna insomma essere capaci di alzarsi dalla scrivania e decomprimere e bere l’ennesimo caffè della mattina (“te lo porto?”, “no, grazie, vengo io alla macchina”, “quanti ne hai bevuti stamattina?”, “sei”, “ma non è ancora mezzogiorno”, “eh”)
    Doppietta.
    P.S. Sir Squonk è uno di quelli di cui penso sempre che se non scrivesse così bene, per il contenuto di quello che dice a volte –ma solo a volte– smetterei di leggerlo su due piedi.
  • Volevo dirgli che Slim è nel vicolo assieme a Lefty e stanno dando una lezione a Fat Tony, ma ero troppo depresso.
    Doppia doppietta per rimediare allo scorso venerdì che non ho salvato niente.
    Idem come sopra sulla questione del leggere: il commento che mi viene sempre in mente in questi casi è sempre “trattenete il valore” del solito S. Paolo
  • Quali sono i campi in cui Apple fallisce? Quei settori in cui fino ad ora si è mostrata decisamente scarsa?
    Domande lecite, perché ce ne sono di cose che “mamma” Apple ha toppato e che aspettano una risposta che probabilmente non arriverà tanto presto…

Letture della settimana

Digressioni
Fotografia

Occhi che tutto vedono…

Partendo dalla segnalazione ilare di una donna che non riesce a vedersi su Google Earth pur avendole provate tutte, oggi voglio segnalare 9eyes, un tumblr di Jon Rafman che raccoglie alcune tra le più strane inquadrature che si possono trovare su Google Maps…

Questi qui, a chi assomigliano?

La cosa che mi ha un po’ colpito è che a guardare le foto non si vedono, come al solito, i dipendenti di Google con i cartelloni sui prati attorno all’azienda, le parate con la banda che suona o camion della Pepsi che diventano* di CocaCola, ma al contrario è possibile dare una sbirciata ad una insolita collezione di strani personaggi, prostitute, poliziotti e varia altra gente che scappa dalle finestre, a bambini con le pistole, ai pestaggi, gli arresti, le auto in fiamme, molte scene di degrado e WTF…

Dà da pensare!

*Bonus!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Standard